L’Accademia

Proseguendo sulla strada tracciata da chi ha fondato l’Associazione, in questi anni, l’Accademia, ha consolidato ancora di più la propria

Continua

Il Ballo

Le danze tipiche   I Balli e le Danze che il gruppo presenta nelle sue rappresentazioni erano l’elemento base di

Continua

L’Abito tradizionale

L'abito nero femminile Risale alla prima metà dell’Ottocento, interamente nero di Seta Damascata, ha come caratteristica principale un pizzo bianco

Continua

La Storia

Le nostre origini. Già dall’inizio degli anni trenta esisteva un gruppo di giovani donne che indossava il costume nero di...

Continua

I nostri giovani

Il Gruppo dei bambini ha fatto le sue prime apparizioni in pubblico intorno alla metà degli anni ’70, ed è...

Continua

Il Festival Internazionale del Folklore

L’Accademia delle Tradizioni Popolari “Città di Tempio” dopo anni di ricerca e divulgazione delle Tradizioni popolari galluresi, nel 1981 organizza...

Continua

Lu Baddhittu

L’ Accademia delle Tradizioni Popolari “Città di Tempio” pubblica dall’ Ottobre del 1995 il giornalino Lu Baddhittu nato dall’idea di...

Continua

Home

Il Gruppo Folkloristico “Città di Tempio” viene fondato nel 1966 da un gruppo di appassionati tra cui Isa Bionda che ne coprirà la carica di Presidente sino al 1994; agli inzi formato da sole ragazze, in seguito si completò con la figura maschile.

Il Gruppo si diede uno statuto e si propose come scopo quello di raccogliere, ordinare e tramandare la cultura popolare di Tempio e della Gallura, divulgarne canti, musiche e danze attraverso rappresentazioni pubbliche in Sardegna, in Italia ed all’Estero.

Con questo intento nel 1971 si costituisce all’interno del gruppo una “SCUOLA DI FOLKLORE” diretta da Stefania Solinas, che fornisce ogni anno nuova linfa ai diversi “Corpi di Ballo” che il Gruppo mantiene.

Attualmente l’Accademia conta circa 50 iscritti alle varie scuole di ballo, per bambini ed adulti. Le lezioni si svolgono durante tutto l’anno nella storica sede.

Inoltre, un grande numero di soci sostenitori, aiutano l’Associazione a portare avanti e ad arricchire, le diverse attività che la vedono impegnata, dalla partecipazione alle varie Sagre in Sardegna e fuori dall’Isola, alla pubblicazione del giornalino, fino all’Organizzazione del Festival del Folklore.